La coerenza di Socrate

La soluzione va cercata guardando a Socrate da un altro angolo. Prendiamo tre passaggi, il primo dal Carmide. Crizia qui accusa Socrate di mettersi a confutare quanto lui dice ma senza aver dato seguito all’argomento. Socrate risponde, «Quale errore fai», dissi, «a pensare che se ti confuto quanto più è possibile, lo faccio per qualche altra ragione che non sia appunto quella per cui esaminerei cosa io stesso stia dicendo, nel timore che, senza avvedermene, io pensi di sapere, mentre non so. [166C-D] Questa rara affermazione su di sé viene rinforzata dal passo precedente: «Ebbene, Crizia», dissi, «tu con me […]

Se vuoi leggere liberamente gli articoli sottoscrivi un abbonamento.
Se ti interessa soltanto un articolo, invia un’email a kam@mauriziobisogno.com.
Il costo di un singolo articolo è $5.–
Grazie per il tuo sostegno a un ricercatore indipendente.
Questo contenuto è protetto da password; inserisci la password qui sotto per continuare la lettura.


RIMANI SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi un'email ogni qualvolta viene pubblicato un nuovo articolo.

Invalid email address
Puoi cancellare la tua iscrizione quando vuoi!