Lo storico e il poeta

«Non è compito del poeta raccontare ciò che realmente è accaduto, ma cose che potrebbero accadere; possibili, quindi, secondo verosimiglianza e necessità. Infatti lo storico e il poeta non differiscono fra loro per il motivo che questo scrive in versi e quello in prosa: storico e poeta differiscono perché l ‘uno racconta ciò che è accaduto e l’altro ciò che potrebbe accadere. Di conseguenza la poesia è più filosofica e più nobile della storia, in quanto narra l’universale, mentre la storia il particolare. » Aristotele, Poetica, 1451a.35-1451b.5,

Merce e conoscenza

(Presentazione del pensiero di Alfred Sohn-Rethel) di Maurizio BISOGNO Una teoria dialettica Lo scopo del testo di Alfred Sohn-Rethel che andremo a leggere è quello di cercare di capire come si spiega la connessione o interdipendenza tra un aspetto strettamente economico della società (lo scambio delle merci) e uno strettamente …

La Filosofia nell’Arte: il Domenicano

Monaco domenicano, 1342
Monaco domenicano a lavoro, 1342, Tommaso da Modena, Treviso

I monaci erano di fatto gli intellettuali del medioevo e le questioni filosofico/teologiche che essi discutevano e studiano non erano certo per i poveri di spirito: Il discorso di Aristotele sulla potenza e l’atto rischia di offuscare il senso in cui Dio come uno e trino? Forse che esiste un modo di pensare la forma e la materia così da chiarire la trasformazione del pane e del vino nel corpo e sangue di Cristo durante l’Eucarestia?

 

Presentazione del libro “La Filosofia è la vita”

In questo video vi presento il mio libro La Filosofia è la vita.
Mi rendo conto che la nostra cultura tecnologica non favorisca la riflessione, tuttavia, con tono pacato e senza effetti speciali, cerco di mostrarvi l’importanza del pensare.

Se avete tempo e voglia, vi consiglio vivamente di guardare questo video ed eventualmente di farmi conoscere le vostre impressioni o critiche costruttive.